Francesco Forte
Enerito di Scienza delle Finanze, Università "La Sapienza" di Roma


Nato a Busto Arsizio nel 1929, si è laureato a Pavia in Giurisprudenza con tesi in Scienza delle Finanze sul principio del beneficio nella tassazione ed è diventato assistente ordinario di tale disciplina presso la cattedra di Benvenuto Griziotti. In questi anni, redattore capo della rivista di “Diritto finanziario e Scienza delle finanze”, ha collaborato con il “Politico” di Bruno Leoni di cui era stato allievo. Docente di Scienza delle Finanze ed Economia presso le Università di Milano, in cui cooperò con Ezio Vanoni, e di Urbino, ha poi trascorso un biennio all’Università della Virginia, prima come Post doctoral fellow e poi come Associate professor of economics, insegnando Theoretical welfare economics ed Industrial organization.

Nel 1961 veniva chiamato da Luigi Einaudi a succedergli alla cattedra di Scienza delle Finanze nell’Università di Torino. Ha successivamente insegnato e fatto ricerche di politica economica e di economia e finanza internazionale all’Università di York e in varie Università americane (Virginia, Harvard Law School, California, Brooking Institution di Washington), per l’Ocse, l’Onu, il Fondo Monetario e la Banca Mondiale. Ha collaborato in vari saggi con James M. Buchanan e A. T. Peacock, su tematiche della teoria di “public choice”. Dal 1983 è stato professore di Scienza delle Finanze presso la facoltà di Economia dell’Università di Roma. La sua trattazione teorica dell’economia pubblica si basa sulla teoria delle scelte pubbliche, combinando la tradizione della scuola neoclassica italiana con quella di Public choice. E’ dottore honoris causa dell’Università di Buckingam.

Negli anni ‘70 è stato vice presidente dell’Eni. Parlamentare dal 1979 al 1994, è stato Ministro delle Finanze e delle Politiche Comunitarie. E’ un sostenitore della politica economica basata sulla “supply side economics”, la teoria economica dell’offerta fondata sulla riduzione delle imposte, la deregolazione del mercato del lavoro e delle pubbliche utilità.

E’ docente di Analisi Economica del Diritto presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria dove accentra la sua attenzione su: l’economia sanitaria e il project management applicato alle pubbliche amministrazioni e alle imprese, l’informatica documentale per le professioni e l’economia dei beni culturali, del turismo e del made in Italy.


Torna su